.
Annunci online

  Mietta [ (Vi ho trovati, cari amici, anche qui...) ]
         


8 settembre 2008

Cheese cake

Sono stata in provincia di Piacenza, a Castel San Giovanni , famosa per la sua robiola.
C'era la sagra paesana e sulle bancarelle , fra le altre cose, spiccava la robiola : formaggio fresco a forma quadrata, tenero, bianco , prodotto con latte di mucca e di pecora.
Ne ho comprata una da 300g , di consistenza uniforme,  nel suo involucro di carta bianca plastificata.
E perché ho comprato una robiola così grande, dato che in casa mia si mangia solo formaggio stagionato?
Per un semplice motivo : volevo preparare una bella crostata di cheese cake per fare bella figura con gli amici

Appena arrivata a casa, mi sono messa all'opera.
-Ho tritato nel mixer 250g di biscotti secchi con una noce di burro
-Li ho ben pressati in modo compatto alla base di una tortiera apribile , a cerniera
-Ho messo il composto per 2 ore in frigorifero
-Nel robot ho frullato la bella robiola, insieme a 250 g di panna liquida da dolci, 3 uova, 150 g di zucchero, 2 cucchiai di farina, 1 cucchiaio di succo di limone, 1 bustina di vanillina
-Ho versato il tutto sulla base preparata precedentemente
-Ho infornato per 40' a 180°
-Ho lisciato e decorato la superficie con marmellata di mirtilli

La torta era una squisitezza che gli amici hanno gradito chiedendo con curiosità gli ingredienti, proprio perché non si sentiva il sapore del formaggio robiola nella farcia così dolce 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cheese cake

permalink | inviato da Mietta il 8/9/2008 alle 20:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa



7 febbraio 2008

aglio

Un applauso all'aglio, che mi ha aiutato la settimana scorsa a risolvere i miei problemi di ipertensione, perché il succo d'aglio è ricco di potassio, pertanto tende a mantenere bassa la pressione sanguigna.
Avevo la pressione alta, mi girava la testa, avevo mal di testa ma, durante il   week-end ci si deve recare dalla   guardia medica che praticamente non ti conosce e che ti dice che la pressione è regolarissima ( mentre secondo i miei valori abituali, era aumentata di 40 unità, sia la max che la min). Sono tornata a casa avvilita per l'incomprensione ed ho  deciso di curarmi da sola: ho mangiato 5 spicchi di aglio ...il giorno dopo la pressione si era  riequilibrata.Qualche problema di alito lo dà; è necessario tagliare lo spicchio nel lato più lungo eliminando l'anima interna, ma l'alito era ugualmente cattivo.
 La sera dovevamo recarci da amici...mi vergognavo a salutarli con un bacio , allora ho escogitato un espediente, dicendo :-Non vi bacio, poiché mio marito mi ha dato l'aglio da mangiare per gelosia, affinché nessuno mi si avvicini per baciarmi !-
Risolto il problema incombente, ho deciso di mangiare uno spicchio di aglio crudo al giorno o di inserirlo  rigorosamente nelle pietanze

Ma l'inno all'aglio va anche  per il suo potere antisettico, aumentando la resistenza dell'organismo contro le infezioni.
Inno all'aglio : produce un enzima efficiente a combattere i radicali liberi .
Inno all'aglio per tutte le altre proprietà terapeutiche :spasmolitica,antisettica,antidiarroica,balsamica,espettorante

Mia suocera mi ha raccontato che metteva attorno al collo dei suoi pargoli una corona di spicchi d'aglio per allontanare i vermi.

Ecco allora alcune  ricette all'aglio:
1) aggiungere aglio alla pasta
2)salame all'aglio della Val Rendena
3) focaccia all'aglio e olio
4) pollo all'aglio
5) purè all'aglio
6) bistecca all'aglio
7) fagiolini all'aglio
ecc...
 Mangiando uno spicchio di aglio al giorno è un modo semplice per far scendere la pressione...se si è costanti in questa metodica, i risultati sono rapidi e duraturi perché l'aglio aiuta a mantenere livelli adeguati di un enzima che previene l'ipertensione

PER GLI  UOMINI
In un documentario ho sentito che l' aglio avrebbe più potere afrodisiaco di qualsiasi altro prodotto, tanto da essere preferibile al Viagra.
L'aglio viene utilizzato   anche nel trattamento delle disfunzioni dell'erezione.




permalink | inviato da Mietta il 7/2/2008 alle 1:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa



25 ottobre 2007

quinoa

Da poco ho scoperto che mi piace mangiare pietanze diverse dalle solite: a pranzo, oggi,  ho  preparato  un bel piatto di quinoa  bollita in acqua salata con carote, cipolle , patate e pomodorini.
La quinoa, già venerata dagli Incas come pianta sacra, viene coltivata nelle Ande, è simile agli spinaci e produce una spiga ricca di semi rotondi,  simili a quelli del miglio.
La quinoa rappresenta l'alimento base delle popolazioni rurali delle Ande tanto che la considerano "il mangime dei poveri".
E' infatti un alimento versatile, che si può preparare in diversi modi: in grani interi o sfarinato, dolce o salato,o anche come bevanda.
I semi di quinoa sono rivestiti da una sostanza, la saponina, che li protegge dalle aggressioni degli uccelli e degli insetti. Questa sostanza è molto amara e va rimossa prima della cottura, lavando accuratamente i semi prima di cuocerli.
La cottura è veloce:15 minuti in acqua bollente.
Si abbina ai sapori dolci di verdure ( zucca, carote, cipolla).E' un alimento facile da digerire, semplice da preparare...
Mi piace la consistenza dei semini cotti che scivolano in bocca, sono morbidi ma mantengono un cuore croccante.
E' un alimento perfetto dato che è arrivato il freddo e  bisogna accumulare calore ( non calorie): è una buona fonte di  fosforo, potassio, magnesio, ferro,zinco  ed è priva di glutine




permalink | inviato da Mietta il 25/10/2007 alle 20:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa



25 ottobre 2007

grano saraceno

Il grano saraceno non  è  un vero cereale, ma una pianta erbacea delle poligonacee, originaria dell'Asia.

Nel passato veniva coltivato in molte zone dell'Europa e le ricette di minestre ed insalate a base  di grano saraceno facevano parte della dieta quotidiana.

Recentemente la farina di grano saraceno ha riacquistato importanza per la digeribilità, l'assenza di glutine,per il contenuto di lisina (aminoacido essenziale per lo sviluppo osseo), per il contenuto di ferro e sali  minerali,  di lecitina, e di vitamina B ed E

Ora  anch'io ho l'abitudine di preparare a colazione  una tazza di latte  o di thè con

"Grano saraceno soffiato con miele"  che è  un prodotto biologico    consigliato  per  i bambini  e per chiunque soffra  di celiachia o di intolleranza al glutine;  alle persone deboli ed esaurite, alle donne in gravidanza; è buono per tutti!





permalink | inviato da Mietta il 25/10/2007 alle 3:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



15 ottobre 2007

I segreti del miele

 
Il miele è il nettare dei fiori, composto prevalentemente da acqua e zucchero e trasformato dalle api attraverso un processo digestivo; è un alimento digeribile, naturale ed energetico.
Io lo uso non solo come dolcificante, ma anche per i piatti salati, come equilibratore di sapori e di profumi.
 
Nelle bevande: 
1) due cucchiai di miele in una caraffa d'acqua con l'aggiunta di succo di limone
2)mezzo litro di succo di arancia con due cucchiai di miele di arancio
 
Per il dessert: sulla macedonia, due cucchiai di miele di tiglio.
 
Per dolci e biscotti : il miele al posto dello zucchero dona più fragranza
 
Per piatti salati: in piccola quantità, il miele può dare una punta di raffinatezza a pasta, pesce, carne, verdura; ma l'abbinamento principale è con i formaggi




permalink | inviato da Mietta il 15/10/2007 alle 21:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa



22 giugno 2006

Fagiolini sott'aceto

FAGIOLINI SOTT'ACETO  
ingredienti
1 kg. di fagiolini teneri
1 cucchiaio di sale grosso
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di pepe in grani 
1 rametto di basilico
2 spicchi di aglio
1 lt. d'aceto bianco 
 
preparazione
Pulite i fagiolini, spuntateli e divideteli a pezzetti di media grandezza.
Mettete sul fuoco una pentola con l'aceto, lo zucchero, 2 foglie di basilico ed i due spicchi di aglio.
Fatelo bollire poi spengete il fuoco.
Intanto mettete sul fuoco una pentola con acqua e quando bolle uniteci il sale e buttateci dentro i fagiolini.
Fatele scottatare per 5 minuti poi scolateli e metteteli ad asciugare su un canovaccio per almeno un paio di ore.
Quando sono ben asciutti, metteteli dentro un barattolo con qualche foglia di basilico e ricopriteli con l' aceto intiepidito.
Chiudete il barattolo e riponetelo in un luogo fresco e poco luminoso.

 
 
 

 

 








permalink | inviato da il 22/6/2006 alle 14:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa



2 dicembre 2005

tigelle


                                            
                                         

600 gr. di farina, 50 gr. di lievito di birra, 50 gr. di strutto, 200 gr. di panna da cucina, sale, acqua tiepida.



Sciogliere il lievito di birra in mezzo bicchiere di acqua tiepida, Impastare bene la farina con il lievito, lo strutto e il sale. Quando risulta bene amalgamato aggiungere la panna. Continuare a lavorare fino a quando risulta un impasto morbido.
Lasciare riposare l'impasto per 1 ora coperto. Tirare la pasta (spessore 4-5 mm.) e fare dei dischi con il bicchiere.
Stendere i dischi su un canovaccio, coprirli con un altro canovaccio e lasciare riposare per un'altra ora.
Cuocere nella apposita padella oppure in forno disposti su una placca da forno.
Servire ancora calde con salumi affettati e formaggi.





permalink | inviato da il 2/12/2005 alle 20:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (28) | Versione per la stampa



25 novembre 2005

piadina romagnola



kg 1 di farina
180 di strutto
1 bicchiere di acqua
1 bicchiere di latte
1 cucchiaino di sale
1 bustina di lievito
Impastare il tutto su un  tagliere,dividere grossolanamente  in 4 o più  parti,stendere ogni parte col mattarello come una sfoglia non troppo sottile e cuocerla su un testo da una parte,poi dall'altra.
Tagliare a metà la piadina e farcirla di affettati o formaggi
 




permalink | inviato da il 25/11/2005 alle 16:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa



24 novembre 2005

Gnocchi di patate

500 gr di patate lessate
farina
sale

Lessare le patate,sbucciarle,schiacciarle .
Infarinare il piano del tavolo,versarvi sopra il passato,salare,impastare aggiungendo a poco a poco la farina  quanto basta ad ottenere una pasta abbastanza solida.
Dividere a pezzi l'impasto e  arrotolarli in modo da ottenere una specie di grissino grosso che si taglierà a pezzetti di cm2.
Gli gnocchi si gettano pochi alla volta in una pentola di acqua bollente salata,e sono cotti appena vengono a galla.
Si condiscono con sugo a pacimento e vanno mangiati molto caldi!




permalink | inviato da il 24/11/2005 alle 13:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa



5 novembre 2005

Olive

Ho raccolto le olive che di solito conservo facendole seccare al sole per 15 giorni,mettendole poi  in un barattolo di vetro con olio,sale,buccia di arancia e seme di finocchio.
In questo periodo non c'è il sole...
Vorrei conservare le olive in salamoia.

Olive nere
Forare con la forchetta le olive  ,coprirle  in una ciotola di ceramica con strati di sale grosso;mettervi un peso sopra;dopo una settimana saranno pronte

Olive verdi
Schiacciare le olive una ad una,metterle a bagno in acqua per una settimana,cambiando l'acqua tutti i giorni.
Aggiungere aglio,sale e origano nei vasi


Ho trovato il link che fa accedere  alla sezione curiosità di "olive da tavola"

http://www.olivedatavola.it/faq.asp#3




permalink | inviato da il 5/11/2005 alle 13:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa


sfoglia     febbraio       
 


Ultime cose
Il mio profilo



Accade
ondalis
bluewitch
luciano
Simone Spiga
Loris
Bruno
garbo
Billo
Maralai
Ombra
Penelope
esperimento
Fort
fioredicampo
Ale
gattara
zanzara
P.Borrello



























































Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom